Select Page

Primi su Google? La SEO non può dare garanzie!

Primi su Google? La SEO non può dare garanzie!
Shares

Primi su Google. Prima o poi a tutti viene promesso da qualche venditore di turno durante una telefonata o in una mail che finirà poi nello spam.

Il web non da garanzie. I professionisti lo sanno. Nessuno sa come funziona il posizionamento su Google con esattezza, nessuno sa perché Facebook predilige un contenuto piuttosto che un altro.

Tutto quello che sappiamo lo dobbiamo ad una scienza chiamata reverse engineering (ingegneria inversa). Studiare, sperimentare ed analizzare i risultati per cogliere tutti i punti in comune e stilare una regola che sia uguale per tutti.

Questo è alla base della SEO ma anche di molte altre discipline legate al mondo del web. Per tale motivo nessuno può darvi garanzie sul risultato.

“Ieri mi ha chiamato un venditore che mi ha garantito che saremo primi su Google!”

Diffida da telefonate simili.

Innanzi tutto “il primo posto su Google” non vuol dire nulla. Ogni SERP dipende da una keyword, ogni keyword va analizzata e contestualizzata al tuo sito web o al tuo prodotto o servizio.

Come fai a promettermi un primo posto prima di sapere con quali altri siti web dovrò competere?

Garanzie di vendita senza conoscere minimamente il prodotto

Un prodotto non deve per forza avere successo sul web. Può non piacere al pubblico, può avere un prezzo troppo elevato o addirittura troppo basso.

Garantire un quantitativo assoluto di vendita è impossibile senza conoscere il mercato di riferimento, senza sapere le caratteristiche del prodotto. Soprattutto se si tratta di un prodotto innovativo, senza precedenti.

Allora cosa mi può garantire un SEO?

Può garantirti professionalità, impegno ed esperienza. Può garantirti di fare il lavoro nel massimo delle sue possibilità. Queste sono le uniche garanzie che un VERO professionista ti comunica. Non essere primi su Google.

Garanzie come il primo posto sulla SERP e 100.000 euro di fatturato al mese sono come promettere il paradiso con 3 Ave Maria e 2 Padre Nostro. Sono le garanzie che ti offre un venditore, messo al telefono appunto per vendere.

Abbi fede nel professionista, valuta il giusto compenso e sicuramente otterrai un risultato migliore che stare fermo a guardare.

E tu hai mai incontrato il venditore che ti offre garanzie assolute?

Il web è un mare ancora poco conosciuto. Ci sguazzano professionisti del settore e venditori.

Tu hai mai incontrato chi ti offre garanzie assolute sul posizionamento o sulle vendite?

4 Comments

  1. Andrea Torti

    Davvero: di fronte all’isteria per ogni minimo cambiamento nell’algoritmo di Google la tentazione di reagire con un bel “Chi SE(O) ne frega” è forte 😛

    Rispondi
    • Francesco Maietti

      Google evolve e di conseguenza dobbiamo evolvere anche il nostro modo di fare SEO. Il problema vero è che chi promette spesso e volentieri non è aggiornato e SE(O) ne frega un po’ troppo. Mira al vile denaro compromettendo notevolmente la qualità del servizio. Tutto conseguenza del fatto che ancora oggi si sente pronunciare la frase “Ma sì, in fondo, per fare un sito web, che ci vuole? 2 paginette e sei a posto!”

      Rispondi
  2. Webshake aggregatore

    Oh bè, finalmente una persona che ha il coraggio di dire le cose come stanno. Soprattutto io mi chiedo, su tante pratiche SEO che vengono messe in atto… siamo sicuri che siano davvero produttive o non addirittura penalizzanti? Vedo molti proprietari di siti web spendere soldi per fare seo e ricavarne un pugno di mosche.

    Rispondi
    • Francesco Maietti

      La SEO è forse il miglior investimento che posso consigliare per un sito web. Il problema non è quanto la SEO sia utile ma come viene fatta. Purtroppo non tutti gli interventi sono effettuati ad arte e non tutti gli interventi sortiscono gli stessi effetti in diversi siti web e/o in diverse keywords. La SEO ha ancora molte incognite e ce le avrà sempre, per questo nessuno può garantire un risultato.
      Ma se il tuo sito è il primo in una SERP e risponde effettivamente ai bisogni dell’utente, quell’utente sarà sicuramente più vicino a diventare un cliente. I click organici, statisticamente parlando, sono i più facili da convertire. Non sei d’accordo?

      Rispondi

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi Tweet