Select Page

Non date soluzioni, spiegate come trovarle

Non date soluzioni, spiegate come trovarle
Shares

soluzioni problema francesco maietti

Spesso nei gruppi di discussione sui Social Network o nei forum si fanno domande e si pretendono soluzioni dettagliate, ad esempio “Come posso fare a  fare questa determinata cosa?“oppure “Ho questo problema, come lo risolvo?“.

Ma è giusto offrire una soluzione? Ci sono due casi che mi hanno fatto pensare che non lo sia, entrambi avvenuti su Google Plus.

1+2×3 = (1+2)x3 ?

Il primo caso consiste in un’immagine goliardica, riguardo alle scuse che un programmatore spesso utilizza quando gli viene detto che il suo programma non funziona.

soluzioni francesco maietti

Fonte: http://www.parthvikani.com/

Nei commenti si sono scatenati i più esperti che hanno attribuito queste scuse ai programmatori alle prime armi che si fingono “maestri” nel settore. Penso che alla fine proprio costoro che accusano sono i primi ad usarle… ed è normale!

Nel mondo della programmazione, come in tanti aspetti di vita quotidiana, spesso applichiamo metodi e teorie che ci guidano nel compiere determinate azioni. L’effetto positivo o negativo dipende dalla condizione originaria e non sempre la fattispecie astratta spiegata in una procedura calza con la fattispecie concreta della realtà.

Ommioddio cosa caspita ha detto?!

Per usare termini semplici potete spiegare a qualcuno le soluzioni ad ogni suo problema, passo a passo, perchè anche a voi è capitato un fatto simile e siete riusciti a risolverlo, ma non è vero detto che a due problemi simili si possa applicare la stessa soluzione. E cosa succede se date un consiglio sbagliato? La vostra reputazione viene intaccata.

E sappiamo quanto è preziosa: Reputazione: la chiave del successo sul web

Insegnagli il metodo e troverà tutte le soluzioni che cerca

Il secondo caso riguarda una richiesta di aiuto nel mondo Ubuntu. Una domanda su come far funzionare Word su Linux ha scatenato una serie di richieste, finchè un utente risponde fuori dagli schemi: non spiega l’azione da compiere ma scrivere una frase da cercare su Google, aggiungendo un proverbio cinese:

“Give a man a fish, he will eat for a day. Teach a man to fish, and he will never go hungry.”

Tradotto: Dai un pesce a un uomo e lo nutrirai per un giorno. Insegnagli a pescare e lo nutrirai per tutta la vita.

Noi dobbiamo insegnare a pescare se vogliamo davvero essere utili. Non offrire la soluzione che conosci, ma insegna come fare a trovarla.

Sembrano due concetti identici ma è così che possiamo aiutare al 100% una persona. In questo modo gli insegniamo un metodo, il nostro metodo per risolvere tutti i problemi che ci troviamo di fronte. E quando questa persona lo farà suo potrà adattarlo alla sua realtà. Il vostro pubblico non dovrà dipendere da voi, dovrà esservi grato e vedervi come una guida.

Ti potrebbe interessare anche: Come rapportarsi con gli utenti? Ecco tutti i segreti

Voi come vi approcciate ad una richiesta di aiuto? Rispondete e offrite le solizioni dettagliate o aiutate gli altri a trovare la loro strada?

Trackbacks/Pingbacks

  1. Come aprire un blog di successo? I 5 segreti per un titolo perfetto - […] Per approfondire questo concetto leggi anche: Non date soluzioni, spiegate come trovarle […]
  2. I 5 passi per aggiornare vecchi post e non far arrabbiare la SEO - […] uno obsoleto e ripetere il 90% del contenuto. Ti ricordi cosa ti ho detto nell’articolo Non date soluzioni, spiegate come…

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi Tweet