Select Page

Commenti con account social con WordPress

Commenti con account social con WordPress
Shares

Quanti account avremo nella nostra rubrica? Dieci, cento, centinaia di account, e per ognuno di essi dobbiamo ricordare username e password di accesso. Provate a pensare quanto sarebbe comodo per un utente poter utilizzare lo stesso account di Facebook, Twitter o Google+ per commentare sul vostro blog.

Prima di iniziare ti chiedo un piccolo favore: se finora le mie guide ti sono piaciute e ti sono state utili, per favore clicca sul pulsante +1 in modo da incrementare la visibilità di Este Computer sul web.


GRAZIE!

Commenti: perché usare un account Social?

Creare un nuovo account per scrivere un commento potrebbe risultare controproducente per un “giovane” blog in crescita. Soprattutto perché molte persone non si fidano a dare le proprie  informazioni, anche solo l’indirizzo email, ad un sito web sconosciuto, temendo che questo venga utilizzato per usi malevoli, come ad esempio SPAM.

Risulta invece notevolmente più comoda e “invitante” la possibilità di effettuare il login con un account social per agevolare la procedura di registrazione e per evitare di costringere l’utente a doversi ricordare un ulteriore username e relativa password.

In questo modo l’account social diventa una sorta di pass-par-tout per tutti i siti web che offrono la possibilità di effettuare la registrazione nel proprio database con un social network.

Ma quale utilizzare?

Se ci avete fatto caso, la maggior parte dei siti web permettono di effettuare il login con account Facebook e Google. Il motivo sta nel fatto che questi due social network sono sicuramente i più diffusi.

Facebook mette a disposizione agli sviluppatori uno strumento per integrare i commenti della propria pagina con quelli del blog. Malgrado la diffusione di Facebook, esiste ancora qualcuno che non lo utilizza. Quindi perché tagliarlo fuori?

Per quanto riguarda Google, bene o male tutti hanno un account Gmail, vuoi perché l’abbiamo creato per un telefono Android, oppure per l’efficienza della casella di posta. Ma vale lo stesso discorso di Facebook: c’è chi non lo usa e non possiede (o non si ricorda) un account Google.

Quindi qual è la scelta migliore? Tutto!

La scelta migliore è utilizzare uno strumento che permetta sia di utilizzare qualunque account social, sia di effettuare una normale registrazione. In questo modo diamo a tutti la possibilità di creare il proprio account e commentare sul nostro blog.

Per fare ciò utilizzeremo un plugin di WordPress chiamato Disqus.

Che cos’è Disqus?

Disqus nasce come una piattaforma universale di commenti che piano piano è stata perfettamente integrata in WordPress grazie al suo plugin. Permette di effettuare il login con il proprio account social (Facebook, Twitter, ecc) oppure di creare un account Disqus utilizzabile su oltre 200.000 siti web sui quali è installato il plugin per WordPress.

Il vantaggio di utilizzare Disqus con WordPress è che la moderazione dei commenti è perfettamente integrata nel sistema del CMS, senza bisogno di ricorrere a pagine esterne all’amministrazione del sito.

Per utilizzare Disqus ci sono utili 2 link: quello della pagina del plugin del catalogo di WordPress e quella di Disqus dove potremo accedere al nostro profilo che creeremo durante la fase di installazione del plugin.

Una volta installato il plugin, passiamo alla prima configurazione: come accennavo sarà necessario creare un account su disqus.com per potere accedere alle sue funzionalità. Una volta creato inseriamo l’username e la password nel nostro WordPress.

commenti disqus

Disqus: prima configurazione

Una volta effettuato il login ci verrà chiesto di creare un nuovo profilo per il sito internet nel quale stiamo per integrare Disqus.

commenti disqus

Terminata anche questa fase non dobbiamo fare altro. Nel menu a sinistra troveremo una voce sotto Commenti che ci porterà direttamente al pannello di moderazione di Disqus.

Disqus in italiano

Di base Disqus è localizzato in lingua inglese. Niente paura, potremo tradurlo in italiano dal pannello di moderazione, nella scheda Settings, traducendo le 3 voci riguardanti il numero di commenti e impostando la lingua in italiano.

commenti disqus

Commenti con account social: conclusioni

Come avrete capito e come ho ribadito decine di volte sia in questo articolo che nella mia guida per nuovi blogger, più agevolate l’utente e più egli sarà predisposto a partecipare al vostro blog. Offrire la possibilità di utilizzare un unico account per poter interagire con i siti web preferiti è sicuramente un’ottimo modo per incoraggiare i visitatori a partecipare.

Trackbacks/Pingbacks

  1. Perché commentare fa bene ai blogger e ai lettori - […] Commentare è l’azione più naturale nel mondo del blogging. Prima delle condivisioni sui Social Network, c’era solo un modo…

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi Tweet