Select Page

Come scrivere un blog? Semplicità perchè sia chiaro a tutti

Come scrivere un blog? Semplicità perchè sia chiaro a tutti
Shares

Vi siete mai chiesti se, da quando avete iniziato a scrivere un blog, il linguaggio che utilizzate è adatto al vostro pubblico? Ritenete che la semplicità del linguaggio sia un fattore rilevante nel successo del vostro sito web?

come-scrivere-un-blog-semplicità-perchè-sia-chiaro-a-tutti

Questa riflessione è partita da una email di un cliente che mi scrive:

Leggo ogni tanto il tuo blog, ma devo dire che faccio fatica a capire: livelli di conoscenza della materia mooolto superiori al mio! gli argomenti sono interessanti, oltre che utili. Bravo!

Un caro saluto.
edo

Apprezzo sempre i commenti, li trovo utili in ogni circostanza della vita. Non puoi correggerti se non sai di sbagliare.

Subito dopo averlo ringraziato per gli apprezzamenti ho colto un grosso, se non grave, problema: scrivo in modo troppo complesso.

Magari molti di voi non hanno difficoltà a capire ciò che comunico nei miei articoli, e voi stessi, come blogger, non vi siete mai posti questo problema.

Ma analizziamo uno degli aspetti positivi nell’avere un blog per rispondere ai dubbi introdotti a inizio articolo.

Scrivere un blog per apparire

Esatto il blog ci permette di dimostrare a tutti cosa sappiamo fare. Scriviamo di ciò che conosciamo. Questo ci permette di scovare nuovi clienti, nuovi lettori interessati all’argomento e nuovi collaboratori per i nostri (o i loro) progetti.

Leggi Creare un sito: è utile avere un blog? per saperne di più.

Ma nessuno nasce imparato.

Possiamo essere esperti, possiamo essere i migliori. Ma dobbiamo farlo capire agli altri per raggiungere gli obiettivi che ci siamo preposti aprendo un blog.

Semplicità non è sinonimo di ignoranza!

Uno dei principali timori che condizionano il linguaggio è apparire “colti”. Quando siamo davanti ad un professore, ad esempio, spesso ci viene richiesto un linguaggio tecnico in sede d’esame, a discapito della semplicità del concetto, per dimostrarci “all’altezza”. Ma il linguaggio va adattato a seconda delle circostante: un professore deve formare un professionista, e in quanto tale, deve conoscere il linguaggio appropriato ma conoscerlo non significa usarlo sempre e comunque.

Scrivere con termini tecnici e in modo complesso equivale a parlare una lingua diversa dai nostri lettori. Ciò è sicuramente azzeccato per una rivista scientifica e specifica nel settore.

Ma per il principio che più la rete è grande, più pesci pigliamo, perché ridurre il bacino di utenza che può apprezzare i nostri articoli?

Scrivere in modo informale non significa sbagliare e non ci qualifica come poco esperti. Rinunciate ai paroloni per termini più terra-a-terra.

E se poi l’esperto ci giudica male?

Non vi deve interessare. Scrivere in modo semplice nei confronti dei meno esperti fa arrivare loro un messaggio più chiaro e comprensibile. I più esperti leggeranno il concetto tra le righe e lo approveranno se è corretto. L’esperto che ci boccia perché utilizziamo un linguaggio poco tecnico si dimostra solo poco professionale dato che cerca un appiglio per mettervi in cattiva luce.

Semplicità e sintesi, la coppia vincente

Già, perché non basta dire le cose in modo semplice. Bisogna anche essere sintetici e non rubare troppo tempo ai lettori. A tal proposito vi consiglio un’ottima lettura, firmata Alessandra Arpi, che ci offre alcuni esercizi per imparare l’arte della sintesi.

“Impara a tagliare dai tuoi testi ciò che aggiunge lunghezza, ma non valore – Alessandra Arpi”

Un altro mio articolo interessante che spiega come scrivere un blog di successo è Non date soluzioni, spiegate come trovarle. Prova a darci un’occhiata.

Prima o poi questo è un problema che tocca ogni blogger: “Mi sono spiegato bene? Avranno capito tutti?“. Quanto conta per voi, sia come lettori che come blogger, la semplicità nel linguaggio utilizzato e quanto siete bravi nell’arte della sintesi?

Condividete le vostre impressioni nei commenti! P.S. leggerò anche i commenti lunghi…

2 Comments

  1. Andrea Torti

    Ben scritto 🙂

    La maggior parte delle persone legge per informarsi, non per valutare il livello di preziosismo linguistico in un post; la semplicità è sempre un’arma vincente.

    Rispondi
    • Francesco Maietti

      Grazie mille Andrea!

      La semplicità è alla portata di tutti. Inoltre si fa più fatica a spiegare un concetto complesso con termini semplici piuttosto che con il linguaggio più tecnico con il quale l’hai appreso. Si valuta la bravura dello scrittore anche dalla sintesi e dalla semplificazione.

      Rispondi

Trackbacks/Pingbacks

  1. Le 3 fasi del blogger professionista per articoli eccezionali - […] Come scrivere un blog? Semplicità perché sia chiaro a tutti […]

Leave a reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ultimi Tweet